Home Page
Guarda la mappa del sito Leggi: PEC - Posta Elettronica Certificata Ufficio Relazioni con il Pubblico

  Cerca nel sito

 

  

  Versione italiana  English version  Deutsche Version  Version Française  Versión Española

 
 
  Istituzione
Organi politici della Provincia Organi politici
Amministrazione della Provincia Amministrazione e Organizzazione
Il bilancio Bilancio
Il Bilancio Sociale Bilancio Sociale
Piani e Programmi Piani e Programmi
Albo Virtuale (Delibere e Determine) Albo Virtuale (Delibere e Determine)
Le linee programmatiche di mandato 2009/2014 del Presidente Massimo Trespidi, che saranno sottoposte al Consiglio Provinciale, nella seduta di lunedì 19 ottobre 2009.
Trasparenza
  Sezioni
Agricoltura
Ambiente
Artigianato
Commercio
Consigliera di parità
Cultura
Formazione prof.le
Infanzia e adolescenza
Lavori pubblici
Lavoro
Pari opportunità
Politiche abitative
Politiche giovanili
Politiche Scolastiche
Politiche sociali
Polizia provinciale
Progetti europei
Protezione Civile
Sanità
Territorio
Trasporti
Tributi
Turismo
Tutela Faunistica
  In Evidenza
  Comuni
 Scegli il tuo percorso
 
 Prodotti tradizionali Prodotti tradizionali
A chi rivolgersi: Servizio Agricoltura
Albino Libè
Via Colombo, 33
29122 Piacenza
Tel. 0523/795613
Fax 0523/795637
e-mail: albino.libe@provincia.pc.it
Competenze: Con apposito Decreto il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali aggiorna ogni anno l’elenco dei Prodotti agro-alimentari tradizionali italiani. I prodotti contenuti nell’elenco possono contenere, nell’etichettatura, riferimenti all’elenco redatto dal Ministero.
Le categorie ammesse sono: bevande analcoliche, distillati e liquori, carni fresche e loro preparazioni, condimenti, formaggi, frutta, paste fresche e prodotti di salumeria, panetteria, biscotteria, pasticceria e confetteria.
Il primo elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani, pubblicato con Decreto Ministeriale il 18.7.2000, conteneva un solo prodotto piacentino: l’Aglio bianco piacentino.
L’Amministrazione Provinciale di Piacenza ha pertanto intensificato le ricerche storiche sui prodotti e, in collaborazione con il Consorzio salumi piacentini, ha presentato alla Regione Emilia Romagna documentazione, proposte e schede per poter inserire altri prodotti nell’elenco nazionale. Contestualmente hanno presentato proposte anche i Comuni di Podenzano e di Pianello.
La Regione ha approvato l’elenco dei prodotti proposti dagli Enti piacentini trasmettendolo al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.
Il Ministero ha eseguito a sua volta la propria istruttoria, accettando un primo gruppo di prodotti piacentini.
Da quella prima fase di approvazione sono passati tre anni nel corso dei quali la Provincia di Piacenza ha richiesto e ottenuto l’inserimento nell’elenco del Ministero ben 89 prodotti piacentini. Si tratta di un vero primato a livello nazionale essendo Piacenza l’unica provincia con un numero così elevato di prodotti.
Qualche esempio di prodotti che i piacentini sicuramente riconosceranno. Tra le carni: il “cappello del prete”, la picula d’caval, lo stracotto alla piacentina, la coppa arrosto, il tasto, i ciccioli, il culatello, il lardo, il salame gentile, i salamini alla cacciatora, il salame da cuocere, il suino pesante (prodotto che condividiamo con tutte le altre province emiliane); tra i formaggi: la ribiola o furmai nis; tra le paste e prodotti da forno: i turtei cu la cua, gli amvei, i pisarei e fasò, la bomba di riso, le ciambelline o buslanein, il pane schiacciato o bataro, i tortelli di carnevale o turtlitt, la la spongata piacentina, tra i vegetali: le antiche varietà di ciliegie piacentine, le antiche varietà di mele, le antiche varietà di pere, le antiche varietà di uva da tavola, le antiche varietà di castagne, di fichi e di nocciole, l’aglio bianco piacentino, il doppio concentrato di pomodoro, il miele del crinale appenninico (con le altre province), il miele di erba medica (con le altre province), il miele vergine integrale (con le altre province).
Le ricette approvate quest’anno da Ministero che si vanno ad aggiungere alle precedenti sono le seguenti:

ANTIPASTI

1 Insalata rustica - rustisana
2 Lasche del Po in carpione- stricc’ in carpiòn
3 Salsa di prezzemolo - sälsa ad savur

PRIMI PIATTI

1 Maccheroni Bobbiesi (con l’ago da calza) – Maccheron bubbies cun agüccia
2 Mezze maniche da frate ripiene – Mes mànag da frà ripein
3 Riso e verza con costine- Ris e verza cun custeina
4 Risotto con i codini di maiale –Ris cun i cuein ad gogn
5 Tagliatelle con ricotta e noci – Taiadei cun ricotta e nus
6 Tortelli di farina di castagne – Tortei ad fareina ad maron
7 Tortelli di zucca – Tortei ad zücc
8 Zuppa di ceci – Züppa ad sisar
9 Zuppa di pesci – Züppa ad pëss
10 Gnocchi - Gnocc

SECONDI
1 Agnello alla piacentina – Agnel äla piacenteina
2 Anguilla in umido – Anguilla in ümid
3 Cavoli ripieni – Cavul ripein
4 Cotenne e ceci – Cudga e sisar
5 Dolce brusco – Dulz e brüsch
6 Faraona alla creta –Faraona ala creda
7 Frittata di funghi prugnoli – Fritta ad spinarò
8 Funghi fritti – Fonz fritt
9 Lepre alla piacentina – Levra äla piacenteina
10 Lumache alla bobbiese – Lümaga al bubbiese
11 Merluzzo in umido – Marlüss in ümid
12 Ovuli ripieni – Ovul ripein
13 Pancetta e piselli – Panzë
Cosa fare: L’ “elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali” è curato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e consiste in una lista aperta, ad inserimenti e cancellazioni, che viene periodicamente aggiornato. Le Regioni e le province autonome possono presentare richieste di revisione entro il termine del 12 aprile di ogni anno.Chiunque volesse presentare richieste di aggiornamento, deve pertanto inviare la domanda alla Regione, completa della documentazione prevista dalla Delibera della Giunta Regionale RER n° 1800 del 24.10.2000, entro il 31 ottobre di ogni anno, di modo che la Regione stessa possa effettuare la competente istruttoria per verificare l’adeguatezza dei prodotti agroalimentari proposti alla normativa nazionale di riferimento (D. Lgs. 173/98 – art. 8 e D. MiPAF 350/99).Le richieste possono essere avanzate da chiunque, singoli o enti pubblici e privati.
Trattandosi di una procedura piuttosto complessa, che comporta la presentazione di documentazione (soprattutto quella storica) di non facile reperimento, l’Amministrazione Provinciale di Piacenza è ben disposta e lieta di recepire qualsiasi segnalazione e formare un gruppo di lavoro per inoltrare la proposta.
 Normative Normative
triangolo
5_del giunta 1800.doc Delibera G.r. 1800/2000 Presentazione delle domande per l'inserimento nell'elenco dei prodotti tradizionali
2_det reg 2002.doc Determina RER n. 2002 13/03/ 2001 Determinazione Direzione Generale Agricoltura RER n. 2002 del 13 marzo 2001
6_D lgs 173.doc Decreto legislativo 30/04/1998 n. 173 Contenimento costi di produzione e rafforzamento strutturale delle imprese agricole
7_DECRETO 8 9 1999 n 350.doc Decreto Ministeriale 8/09/ 1999 n. 350 Regolamento recante norme per l’individuazione dei prodotti tradizionali
1_Decreto Min 18 luglio 2000.doc Decreto Ministeriale 18/7/2000 Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali
 Link Sottosezione Link
Link Sottosezione
La frutta antica di Piacenza La frutta antica di Piacenza La frutta antica di Piacenza

Torna Torna


 Provincia di Piacenza - Via Garibaldi, 50 - 29121 Piacenza - Italy - tel. 0523.7951 fax. 0523.326376                                      
 Info:urpel@provincia.pc.it - Web Site a cura di SINTRA SpA                                   HTML 4.01 | CSS 2.0 | WCAG 1 A | Bobby A